Alimentazione del Gattino

Il gattino che hai accolto in casa vivrà insieme a te per i prossimi 15/20 anni. Questo percorso inizia subito con la scoperta da parte del gattino del nuovo ambiente in cui vivrà, una tappa decisiva che influenzerà il suo ambientamento.

Al momento di accoglierlo con te, ricorda che stai prendendo il posto di sua madre, ed a te si rivolgerà per trovare fiducia e protezione.

La scoperta del nuovo ambiente da parte del gattino deve essere graduale e fatta con molta dolcezza, perché si senta al sicuro fin dal suo arrivo. Dovete far trovare al vostro micio degli oggetti, per lui indispensabili, come la cesta, la lettiera, alcuni giocattoli, delle ciotole, ecc.

Il gattino dispone il suo territorio in 4 attività principali:

–          Alimentazione;
–          Riposo;
–          Pulizia;
–          Gioco.

Non gridare e non disturbarlo continuamente solo per il tuo piacere: ha bisogno di molto sonno da piccolo, quindi per non turbare la sua crescita, non svegliarlo mai durante il sonno.  La fase decisiva per l’educazione del gattino è quella che va dalla nascita fino all’età di 6 mesi.

In questo periodo la madre gioca un ruolo fondamentale perché la maggioranza dei comportamenti viene acquisita fin dai 3 mesi d’età.

La crescita di un gattino è un periodo molto delicato che condizionerà la sua salute da adulto. Numerosi fattori influiscono sulla crescita, e l’alimentazione in questa fase gioca un ruolo molto importante. Da 1 a 4 mesi, la crescita diventa più intensa sollecitando tutto l’organismo del cucciolo.

In questo periodo diminuisce la capacità di digerire il lattosio (se non viene somministrato più latte al gattino), scompare l’immunità trasmessa dalla madre e cominciano a nascere i denti da latte. Dai 4 ai 12 mesi, abbiamo una fase di consolidamento dove crescono i denti definitivi, si sviluppano le capacità digestive e si consolidano le ossa.

Gatto

Uomo

Influenza sul comportamento del gatto

N° di cellule olfattive

Da 60 a 65 milioni Da 5 a 20 milioni Molto sensibile agli odori

N° di papille gustative

500

9000

Molto poco sensibile ai differenti gusti
Importanza ponderale dell’apparato digerente Da 2,8% a 3,5%

10%

Debole capacità digestiva

 

Qual è allora l’alimentazione più corretta per il tuo gattino? 

Esistono 3 tipologie di alimentazione tra cui:

–          il pasto preparato in casa: l’ideale per il tuo gattino perché contiene tutti i principi nutritivi di cui ha bisogno essendo alimenti freschi;
–          gli alimenti umidi: sono le scatolette che troviamo comunemente in commercio, ed è meno concentrato di quello secco perché contiene l’80% d’acqua;
–          le crocchette: sono più concentrate delle scatolette e sono a lunga conservazione.

Qualunque sia il tipo di alimentazione scelta, metti sempre a disposizione una ciotola d’acqua fresca. Anche se il gatto è un carnivoro stretto, in natura non mangia solo muscoli e fegato, ma ingerisce anche le ossa e le viscere delle sue prede. Se gli viene somministrata solo carne, la sua dieta è squilibrata.

I resti della tavola e le ghiottonerie non sono adatti ai bisogni nutrizionali del cucciolo. Se il tuo gattino identificherà il tuo cibo con quello della ciotola, verrà continuamente a chiedertene durante il pasto. Alla nascita il sistema digestivo del gattino non è ancora maturo e si sviluppa nel corso delle settimane seguenti. Il suo cibo in questo periodo deve assicurare la massima sicurezza digestiva.

 

Nutrienti 10 settimane 15 settimane 20 settimane
Proteine

83%

84%

86%

Amido

85%

85%

88%

Grassi

86%

89%

90%

Tra la quarta e la dodicesima settimana di vita, le difese immunitarie trasmesse dalla madre attraverso il latte diminuiscono gradualmente fino al momento in cui il sistema immunitario non è completamente funzionante. Durante questo periodo, il gattino è abbastanza vulnerabile alle malattie. In questo particolare periodo, un supplemento di L-lisina nel cibo aiuta a limitare l’intensità delle infezioni virali (es: Herpes).

Le proteine ad alta digeribilità (L.I.P.), limitano il contenuto di residui fermentescibili nell’intestino, i frutto-oligosaccaridi e la polpa di barbabietola, bilanciano la flora batterica intestinale, mentre l’EPA/DHA proteggono la membrana della mucosa intestinale.

Le vitamine E e C, la taurina, la luteina e i mannano-oligosaccaridi stimolano la produzione di anticorpi.

Da 1 a 4 mesi il gattino vive una fase di transizione chiamata svezzamento. In questa fase, l’immunità trasmessa dalla madre decresce fino al punto in cui il sistema immunitario del gattino non è completamente funzionante e i denti da latte compaiono tra le 2-3 settimane massimo 2 mesi, stimolando il sistema immunitario. Il passaggio dal latte al cibo solido è molto delicato e probabilmente causerà disordini gastrointestinali.

Dal quarto mese di vita, l’intensità della crescita diminuisce: il suo sistema digestivo e le sue difese immunitarie si sviluppano ma rimangono deboli e la sua struttura ossea si rinforza gradualmente. Il suo bisogno energetico rimane elevato, anche se poco alla volta decresce apparendo i denti definitivi.

Webibliografia: www.barf.it

Potrebbero Interessarti …


Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.